Servizi di costruzione

Limitazioni nell'uso dei sistemi di pareti in polistirene

Limitazioni nell'uso dei sistemi di pareti in polistirene. I sistemi di pareti in polistirolo possono essere utilizzati per erigere edifici a 25 m di altezza.
Il coefficiente di isolamento acustico per una parete composta da raccordi in polistirene è 45 dB ed è sufficiente per case unifamiliari unifamiliari e a schiera, purché il livello di rumore non superi not 70 dB per una parete con finestre e 65 dB per il timpano. Per pareti tra appartamenti in case plurifamiliari e tra pareti sezionali in case a schiera, si applicano requisiti più elevati; è quindi necessario utilizzare un isolamento acustico aggiuntivo.

Il polistirene espanso è poco resistente ai raggi UV (che può causare ingiallimento della superficie e rendere fragile il materiale), la sua superficie deve quindi essere adeguatamente protetta. È sensibile all'azione di alcuni prodotti chimici: solventi organici (acetone, diluenti per vernici, terpentyna), ammoniaca, idrocarburi saturi (alcol), benzina, oli, cherosene e prodotti petroliferi (catrame) – in un ambiente esposto a questi fattori non devono essere realizzate pareti in polistirolo. Materiali da costruzione, come il cemento, calcio, cast, non hanno effetti dannosi sul polistirene.

Ventilazione – La preoccupazione maggiore è la tenuta delle case in polistirolo, perché il polistirolo è solo leggermente permeabile al vapore acqueo e le pareti non traspirano. Per questo motivo, gli edifici realizzati con il sistema di raccordi in polistirene richiedono un'alimentazione e una ventilazione di scarico efficienti., soprattutto nei bagni e nelle cucine. Una buona soluzione è realizzare un condotto di ventilazione separato in ogni stanza, e l'installazione di diffusori nelle finestre. Più efficace, anche se una soluzione più costosa, è la ventilazione meccanica con recupero di calore.